PDA

Visualizza Versione Completa : L'Anafe si è sciolta



mc0676
01-10-2013, 17:04
E cosi ANAFE si è sciolta.

Brutta notizia. Ma forse ce lo aspettavamo.

criceto45
01-10-2013, 17:06
Sicuramente.anche se personalmente non vedo grandi cose da questa associazione

Inviato dal mio GT-I9300 con Tapatalk 2

winky
01-10-2013, 17:07
Brutta? l'idea in se era bella ma....era ormai un Azienda di famiglia o mi sbaglio?
Speriamo che nasca qualcosa di serio per la tutela delle scimmie! sono un animalista convinto!!:asd:

Spybot
01-10-2013, 17:10
Fino ad un mese fa chiedevano ancora la quota associativa :look:

DonGhi
01-10-2013, 17:22
Un'altra lobby all'italiana. :)
Speriamo almeno sui buoni rimasti...
:bbsgrat:

winky
01-10-2013, 17:28
Un'altra lobby all'italiana. :)
Speriamo almeno sui buoni rimasti...
:bbsgrat:

Per questo nascerà la ANAFS Associazione Nazionale Autonoma Fomentatori di Scimmie

Zerobollas
01-10-2013, 17:34
Dal sito web di Anafe:

In data 28 settembre si è tenuta a Roma l’assemblea di ANaFE.
A seguito di un’analisi e della susseguente discussione sulle attività portate avanti negli ultimi 12 mesi e sulla situazione legislativa e politica, in un’ottica di poter dare maggiore forza all’attività di lobby del settore, l’assemblea ha votato quasi all’unanimità (un solo voto contrario) le seguenti mozioni:

- scioglimento immediato di ANaFE
- invito ai produttori a consolidarsi all’interno di un’associazione di settore del sistema Confindustria
- indirizzo ai retailer di affiliarsi in massa ad una delle associazioni di rivenditori in corso di formazione. L’assemblea ha dato indicazione per Assoecig/Fiesel di Confesercenti.
Si invitano poi tutte le associazioni esistenti o nascenti a dar vita immediatamente ad un coordinamento che consenta la presentazione di fronte alle istituzioni di un fronte comune, essendo gran parte degli interessi identici.

Gli associati possono richiedere copia del verbale di assemblea via mail a: comunicazioni@anafe.it


Quindi si sono sciolti per affluire su assoecig di confesercenti.

Il problema è che non esiste un'associazione che tutela noi consumatori... Anzi dopo le notizie del "salvagente" le associazioni di consumatori hanno chiesto il ritiro dal mercato degli eliquid

mauriziodesantis
01-10-2013, 20:06
Per questo nascerà la ANAFS Associazione Nazionale Autonoma Fomentatori di Scimmie

Andrea, porca miseria, ma come ti vengono in mente ? :lol::lol::lol:

Ciriola
01-10-2013, 20:10
:beer:

Mk76
01-10-2013, 20:17
Brutta? l'idea in se era bella ma....era ormai un Azienda di famiglia o mi sbaglio?
Speriamo che nasca qualcosa di serio per la tutela delle scimmie! sono un animalista convinto!!:asd:


Non ti sbagli assolutamente :)

EsigForum BOT
01-10-2013, 20:47
L'importante, per chi rimane, che non facciano come i nostri sindacati. Ossia, lusingare e remare contro, per una comoda poltrona..in futuro.:s1:

EsigForum BOT
01-10-2013, 21:10
Era ora visto che era una gran buffonata..
comunque ormai la tassa c'è, mettiamoci l'animo in pace e iniziamo a sedare le scimmie..
ci sono situazioni ingiuste, l'Italia in se è l'apoteosi delle complicazioni, ma c'è poco da fare se non adeguarsi, o cambiare paese.

Nerone
01-10-2013, 22:23
Cambiare un Paese si può, è cambiare le genti di quel paese che è impresa ardua, se non addirittura impossibile.
Riguardo lo scioglimento di ANAFE la cosa non mi stupisce affatto, anzi. :sisi:

Agapaolo
02-10-2013, 06:47
Non sono mai riuscito a capire fino in fondo la posizione di questa associazione, ma questo potrebbe essere un mio limite, e credo che questa incertezza di fondo possa forse essere stata la causa per cui non abbia avuto successo questa iniziativa...

Zerobollas
02-10-2013, 07:55
Non sono mai riuscito a capire fino in fondo la posizione di questa associazione, ma questo potrebbe essere un mio limite, e credo che questa incertezza di fondo possa forse essere stata la causa per cui non abbia avuto successo questa iniziativa...

Anafe era un'associazione che rappresentava produttori e rivenditori di sigarette elettroniche / liquidi. Associazione in conflitto d'interessi visto che i signori Anafe sono i signori FA.
La loro missione (così come descritta sulla loro pagina fb) sarebbe:
"Lo scopo dell’associazione è quello di porsi come punto focale e di aggregazione di questo nuovo comparto e di offrire alle autorità un punto univoco e di riferimento per porre le basi per una proficua regolamentazione del settore."

Nei fatti: principalmente Anafe si è battuta per chiedere di vietare l'importazione di liquidi non italiani e rendere illegale l'uso di liquidi non italiani (insomma secondo Anafe bisogna svapare solo FA).
Il fatto che si sia sciolta è causato dalla nascita (negli ultimi giorni) di nuove associazioni, tra cui confesercenti che ha deciso di sposare la causa di produttori e rivenditori e che ha una struttura e un'organizzazione molto meno amatoriale rispetto ad Anafe. Visti gli scarsi risultati (pari a 0) e la situazione che incalza sempre più contro l'esig, anafe ha deciso di confluire in massa verso confesercenti.

Il problema vero è che non esiste nessuna associazione che rappresenta noi vapers. Da un lato abbiamo un governo che appoggia le lobbies del tabacco, dall'altro questi signori che studiano come meglio derubarci (la maggior parte degli iscritti anafe sono negozianti di franchising)

Tunde
02-10-2013, 08:23
Anafe era un'associazione che rappresentava produttori e rivenditori di sigarette elettroniche / liquidi. Associazione in conflitto d'interessi visto che i signori Anafe sono i signori FA.
La loro missione (così come descritta sulla loro pagina fb) sarebbe:
"Lo scopo dell’associazione è quello di porsi come punto focale e di aggregazione di questo nuovo comparto e di offrire alle autorità un punto univoco e di riferimento per porre le basi per una proficua regolamentazione del settore."

Nei fatti: principalmente Anafe si è battuta per chiedere di vietare l'importazione di liquidi non italiani e rendere illegale l'uso di liquidi non italiani (insomma secondo Anafe bisogna svapare solo FA).
Il fatto che si sia sciolta è causato dalla nascita (negli ultimi giorni) di nuove associazioni, tra cui confesercenti che ha deciso di sposare la causa di produttori e rivenditori e che ha una struttura e un'organizzazione molto meno amatoriale rispetto ad Anafe. Visti gli scarsi risultati (pari a 0) e la situazione che incalza sempre più contro l'esig, anafe ha deciso di confluire in massa verso confesercenti.

Il problema vero è che non esiste nessuna associazione che rappresenta noi vapers. Da un lato abbiamo un governo che appoggia le lobbies del tabacco, dall'altro questi signori che studiano come meglio derubarci (la maggior parte degli iscritti anafe sono negozianti di franchising)
Chi sa perchè ma ero convinta riuscissero ad ottenere qualcosa di positivo ai tempi, riguardo il decreto, poi puntualmente non ottenevano mai nulla. Mi è anche sembrato poco serio e poco professionale non avvisare i soci dell'assemblea che hanno tenuto pochi giorni fa. Hanno scritto dell'asemblea solo sulla loro pagina facebook e sul loro sito. Io sono presidente di un'associazione avicola, i soci vengono avvisati tramite mail (o certe volte al telefono ma almeno la mail mi sembra d'obbligo). Poi ancora una cosa, accettavano iscrizioni pure ieri quando ormai l'associazione si è sciolta. Insomma, a voi pare giusto? 250 euro non sono cmq pochi soldi. Insomma, mi hanno delusa.

Zerobollas
02-10-2013, 08:51
Chi sa perchè ma ero convinta riuscissero ad ottenere qualcosa di positivo ai tempi, riguardo il decreto, poi puntualmente non ottenevano mai nulla. Mi è anche sembrato poco serio e poco professionale non avvisare i soci dell'assemblea che hanno tenuto pochi giorni fa. Hanno scritto dell'asemblea solo sulla loro pagina facebook e sul loro sito. Io sono presidente di un'associazione avicola, i soci vengono avvisati tramite mail (o certe volte al telefono ma almeno la mail mi sembra d'obbligo). Poi ancora una cosa, accettavano iscrizioni pure ieri quando ormai l'associazione si è sciolta. Insomma, a voi pare giusto? 250 euro non sono cmq pochi soldi. Insomma, mi hanno delusa.

Io voglio sperare che verranno rimborsati i nuovi soci!

Tunde
02-10-2013, 09:16
Io voglio sperare che verranno rimborsati i nuovi soci!

Mah, ne dubito, non so se hai letto il commento del negoziante che ha pagato la quota avantieri e ieri gli è arrivata la mail di "benvenuto". Sotto ha commentato Anafe ma non ha assolutamente parlato di rimborsi.................. Inizio a chiedermi, ma quest'associazione faceva il gioco dei politici e teneva "buoni" i negozianti, illudendoli che avrebbero ottenuto qualcosa? Quando il decteto è passato al senato, loro dicevano che aspettavano quel momento, per agire in parlamento. Secondo me lo sapevano già benissimo che nemmeno lì avrebbero avuto nessun modo di agire. Se (e ripeto SE) volevano veramente ottenere qualcosa a favore degli associati. Poi se vi ricordate, Anafe parlava di false notizie che girano in rete, riguardo il monopolio. Ok, non si chiamerà così ma è lo stesso come si chiama, il risultato non cambia... Accordi UE o meno, vedrete che sarà esattamente come il monopolio dei tabacchi, poi l'Italia paga la multa e la questione sarà risolta. Quindi le notizie "false" mica sono tanto false, sembra che la strada sia proprio quella.

leedoodge
02-10-2013, 12:13
Francamente ormai sono scoraggiato. La suonata è semplicemente che nella nostra italietta ognuno si fa i ca@@i suoi e solo quelli. Anche se nascesse una associazione a tutela dei vapers state pur certi che si venderebbe al primo venuto a scapito degli altri fosse anche per qualche ml di liquido gratis.Qui vige la legge "l'importante è che la cosa a me non mi tocca e ancora meglio se tocca te e a me no".

Nerone
02-10-2013, 12:16
Io voglio sperare che verranno rimborsati i nuovi soci!

A volte mi viene un dubbio, vivete in Italia o all'estero? Perché se vivete in Italia queste speranze le dovreste riporre in un cassetto, chiuderlo a chiave e buttare via la chiave.

Zerobollas
02-10-2013, 12:19
A volte mi viene un dubbio, vivete in Italia o all'estero? Perché se vivete in Italia queste speranze le dovreste riporre in un cassetto, chiuderlo a chiave e buttare via la chiave.

Come darti torto, purtroppo!!!

Zio Efest
21-01-2014, 12:41
Anafe era un'associazione che rappresentava produttori e rivenditori di sigarette elettroniche / liquidi. Associazione in conflitto d'interessi visto che i signori Anafe sono i signori FA.
La loro missione (così come descritta sulla loro pagina fb) sarebbe:
"Lo scopo dell’associazione è quello di porsi come punto focale e di aggregazione di questo nuovo comparto e di offrire alle autorità un punto univoco e di riferimento per porre le basi per una proficua regolamentazione del settore."

Nei fatti: principalmente Anafe si è battuta per chiedere di vietare l'importazione di liquidi non italiani e rendere illegale l'uso di liquidi non italiani (insomma secondo Anafe bisogna svapare solo FA).
Il fatto che si sia sciolta è causato dalla nascita (negli ultimi giorni) di nuove associazioni, tra cui confesercenti che ha deciso di sposare la causa di produttori e rivenditori e che ha una struttura e un'organizzazione molto meno amatoriale rispetto ad Anafe. Visti gli scarsi risultati (pari a 0) e la situazione che incalza sempre più contro l'esig, anafe ha deciso di confluire in massa verso confesercenti.

Il problema vero è che non esiste nessuna associazione che rappresenta noi vapers. Da un lato abbiamo un governo che appoggia le lobbies del tabacco, dall'altro questi signori che studiano come meglio derubarci (la maggior parte degli iscritti anafe sono negozianti di franchising)

Magari fosse stata così innocente la cosa...
"L'associazione TVECA ha inviato una lettera al parlamento europeo
http://www.tveca.com/tveca-affiliates
l'unico socio italiano di TVECA è Flavourart e cioè l'azienda leader di ANaFe. Ma guardando sul sito web di TVECA, scopriamo che l'associazione è a sua volta membro di CORESTA, un'altra associazione nata nel 1956 che si occupa di studi sul tabacco. E chi sono i membri di CORESTA? Eccovi i membri del Board:

Alliance One International (USA)
Borgwaldt KC GmbH (Germany)
British American Tobacco (UK)
China National Tobacco Corporation (China)
Imperial Tobacco Ltd. (UK)
Japan Tobacco Inc. (Japan)
KT&G Corporation (South Korea)
Papierfabrik Wattens GmbH & Co KG (Austria)
R.J. Reynolds Tobacco Company (USA)
Sodim SAS (France)
Swedish Match North Europe Division (Sweden)
SWM International Inc. (USA)
Universal Leaf Tobacco Company (USA)
University of Kentucky (USA)

Abbiamo quindi le Big del Tabacco dietro a quella che noi pensavamo fosse una semplice associazione di produttori di ecig."

lore740
21-01-2014, 12:53
Andrea, porca miseria, ma come ti vengono in mente ? :lol::lol::lol:

Per noi consumatori di solito nasce sempre A.N.A.L. che e' la predisposizione a cui tutti i tipi di consumatori negli ultimi anni devono "porsi" e "ricevere"........

mauriziodesantis
21-01-2014, 13:00
Per noi consumatori di solito nasce sempre A.N.A.L. che e' la predisposizione a cui tutti i tipi di consumatori negli ultimi anni devono "porsi" e "ricevere"........

:ahahahah:

kreleron
21-01-2014, 13:14
Very GG aNafe.
Certo che...vabbeh va..ogni commento va oltre.
Voglio pagare l'accisa, ma non voglio più provare un prodotto FA.

Tunde
21-01-2014, 17:37
Anafe ha risposto così agli attacchi:
http://www.smookiss.it/blog-sigaretta-elettronica/entry/attacchi-ingiusti-ad-anafe-ecco-la-risposta.html

Zio Efest
21-01-2014, 18:10
Bla,bla,...bla,
Oh certo, è assolutamente normale trovarsi in sedi comuni con altri soggetti, ed è proprio questo il problema.
Una comitology di lobbisti del C.piiiiii.

Tunde
21-01-2014, 18:15
Comunque, una cosa che mi ha fatto tanto girare le balle, che i negozianti, a meno che non tolgano del tutto questa legge assurda, vorrebbero che lo stato oscurisse i siti esteri che non applicano la tassa del 58,5%. Insomma, anche loro, come tutti, guardano solo e soltanto i propri interessi, null'altro.

Zio Efest
21-01-2014, 18:41
Comunque, una cosa che mi ha fatto tanto girare le balle, che i negozianti, a meno che non tolgano del tutto questa legge assurda, vorrebbero che lo stato oscurisse i siti esteri che non applicano la tassa del 58,5%. Insomma, anche loro, come tutti, guardano solo e soltanto i propri interessi, null'altro.
Ok ma quello che vorrebbero i negozianti, per quanti siano e per quanto siano errate le loro idee, conta meno di niente, invece sono determinanti le pressioni a Bruxelles, e là la voce dei negozianti proprio non si sente.
Questi di Anafe, confindustria o chi che sia, sono quelli che fanno il doppio gioco con noi quanto con i negozianti.

sijsca
21-01-2014, 20:07
non soffro certo dinnanzi a questa notizia; ormai stava diventando una scatola vuota che rappresentava solo sé stessa